Silenzio, chi parla?

by Mauro 20. March 2014 18:30

           Osservo sempre più comportamenti sociali volti al rumore, all’ascoltare qualcosa per sfuggire il silenzio e, pertanto, l’ascolto di sé.  Centri commerciali privi di filodiffusione quali bisogni svelerebbero? Oppure una casa ove si lascerebbe chiusa la TV durante i pasti che sapore avrebbe?  Pensa ad una giornata senza auricolare, pc, cellulare, auto… A quali suggestioni poco esplorate si aprirebbe l’essere umano? Eppure colgo una crescente difficoltà a fermarsi e stare nelle cose semplici della vita e delle relazioni umane. In una società ove la sosta è riservata alla fase depressiva colgo quanto poco si presti cura al ben-essere di chi la abita, Max Picard dice che «l’uomo è diventato un’appendice del rumore», ma cosa accade se togli la spina ed improvvisamente compare il silenzio?
         Pensa, dal silenzio scaturisce l’arte dell’ascolto. La psicoterapia così come l’accompagnamento spirituale ne sono l’espressione di cura alquanto significative, la preghiera nasce dal silenzio. L’essere umano è relazionale, nessuno è fatto per la solitudine, anche l’eremita vive la sua spiritualità profonda in comunione con l’umanità intera che presenta al suo Dio.
            Ma i rapporti umani trovano equilibrio e verità nell’alternanza tra silenzio e parola. Il silenzio, infatti, rende significative le esperienze ed esprime in modo speciale l’empatia così come la compassione per l’altro.

              Accogliere e donare  la vita, la cura di sé e dell’altro, maturano attraverso il silenzio e con lo stare nelle cose della vita. Osservarle guardarle, coglierle appieno è frutto del silenzio. In questa piattaforma relazionale la parola assume l'espressione del dono, capace di incontare l'altro e di esprimere la profondità di se stessi.

           



Tags: , ,

Blog | Consultorio familiare | educativa di strada | Psicologia e vita | Ricerca di Dio

Comments (1) -

Natalia Aggiato
Natalia Aggiato Italia
3/24/2014 10:20:45 AM #

Ieri ho cominciato a meditare. 10 minuti di silenzio ascoltando solo il respiro, seguendo i pensieri che scivolano via come spuma sulle onde del mare. Senza fare nulla, senza sforzarsi. In quel silenzio ho trovato un senso. Presi da mille azioni quotidiane, abbiamo perso l'abitudine di conoscerci, di aspettare, di stare nel momento di adesso. Ho la sensazione che prolungando questa percezione del nostro esistere potremmo pian piano depurarci, eliminare parecchi desideri superficiali, dedicarci alle fondamenta dell'essere e quindi aprirci davvero agli altri. Grazie per questo post! Mi piacerebbe sapere come meditava Gesù con i suoi apostoli.

Reply

Add comment

  Country flag

biuquote
  • Comment
  • Preview
Loading

Month List

RecentPosts