I supermercati non sono la salvezza

by Mauro 7. March 2020 18:09

       La reazione automatica di molti dopo la notizia del coronavirus e ieri pomeriggio, dopo l'allerta in alcuni quartieri palermitani per l'uso dell'acqua della rete idrica dichiarata non potabile, è stata quella del saccheggio dei supermercati ora per caricare provviste mensili ora per rastrellare ettolitri di acqua imbottigliata. Al supermercato pare venga deputata la garanzia della propria sopravvivenza.

          Sebbene tale sintomo rivela l'individualismo culturale che ci sta dominando, questi giorni, del tutto anomali per molti di noi, paiono l'occasione per tornare a riflettere su quel che siamo.More...

L'umile non suggestiona

by Mauro 1. March 2020 09:45

       Quando non riesci a scorgere l'orizzonte, quando il dubbio vorrebbe avere campo libero per questionare il senso di quel che si sta facendo, ecco che hai la possibilità di verificare in chi davvero riponi la tua custodia.

        Ci sono ostacoli lungo il sentiero della vita, tempi di particolare prova e di grande debolezza, giornate in cui macano le garanzie e ci si può solo affidare. È in quei giorni che abbiamo bisogno di fiducia e di trovare sicurezza oltre noi stessi.

       Certo per molti l'esistenza è una questione di potere, di appoggi e di misure difensive, ma per quanto si possa essere precisi calcolatori accade a tutti, prima o poi, di scontrarsi con la fragilità del vivere.More...

Solo guardare la Luce ci rende pronti

by Mauro 9. February 2020 23:19

         Il potere della visibilità è una questione che attraversa prepotentemente i nostri giorni. La sfera intima è così esposta allo sguardo pubblico da dare, a questo occhio vago,  il potere di influenzare la percezione che si ha di sé, in base ai like o ai commenti ottenuti.

        Senza visualizzazioni, infatti, parecchi adolescenti ma anche molti adulti sembrano andare in crisi identitaria e smarrirsi in un caos di emozioni angoscianti. L'esperienza di mancanza dell'altro si traduce, così, nel non conoscere chi si è e che cosa si desidera veramente.

        È palese, certo, che tutti abbiamo avuto bisogno di essere visti da un altro per entrare nell'avventura della vita e tutti quanti abbiamo imparato a vedere le cose del mondo attraverso lo sguardo altrui, almeno fino a quando non si è stati capaci di senso critico e di visione propria. Il fenomeno contemporaneo, però, ci trova di fronte alla fragilità delle visioni personali e alla frequente ricerca di conferma altrui per legittimare il proprio status di vita. È così che la manipolazione e l'assoggettamento di interi gruppi è cosa assai diffusa ai nostri giorni e, fenomeno correlato, la mentalità superstiziosa penetra sempre più ambienti di elevata cultura. In entrambi i casi il riconoscimento è affidato alle mode e alle tendenze di mercato o alla magia per avere visibilità attraverso una “veste” socialmente ammirata.More...

Attendere o contaminarsi?

by Mauro 2. February 2020 08:19

        Il rapporto con il tempo che passa svela il modo di stare nella storia. Potremmo trascorrere i nostri giorni percependoli come un graduale consumarsi nel tempo fino a spegnersi, oppure come un progressivo compimento simile a pienezza che va di tappa in tappa prima di giungere alla meta.

        Nel primo caso l'esistenza diverrebbe un incessante tentativo di accumulo per ottenere soddisfazione, nel secondo invece la vita è percepita come dono e i giorni che passano sono occasione per approfondire quel che si è ricevuto. È quest'ultimo il senso biblico della storia e Gesù diventa il compimento di ogni cosa, e in relazione a Lui ciascuno è dato di trovare pienezza.More...

Le scelte fanno la differenza

by Mauro 19. January 2020 08:35

    Le correnti politiche rivelano confini labili e i membri di partito passano da uno schieramento all'altro confondendo il pensiero politico con l'opinionismo tra amici. Anche la liquefazione in ambito religioso così come le varie forme di integralismo, denunciano una identità fragile e priva di una adesione esistenziale ad un credo.More...

Quel che orienta

by Mauro 5. January 2020 17:40

       C'è chi organizza la propria vita su una linea di rammendi come se ci si dovesse giustificare attraverso un gran da fare capace di legittimare il proprio esserci.

       C'è chi rimane attento agli sguardi altrui in attesa di un giudizio positivo da potere esibire alla propria coscienza.

       Ancora, c'è chi investe energie e tempo per ergersi al di sopra degli altri e per affermare la propria autorità  e, così, darsi valore.More...

Questione di punti di vista

by Mauro 25. December 2019 09:55

   Quest'anno celebriamo un Natale all'insegna dell'impotenza e della fragilità, perchè è una festa che ci chiede conto se stiamo a condividere con i piccoli del mondo. È dal loro punto di vista che si celebra il Natale. Già la preparazione durante l'Avvento ci ha visti approfondire la testimonianza di un uomo, Giovanni Battista, il quale si era ritirato nel deserto perdendo ogni sorta di appoggio e corazza difensiva per annunciare che solo in Dio è possibile trovare riparo e forza di vita.More...

Dio riparte dalla periferia

by Mauro 8. December 2019 12:23

         Siamo troppo abituati a giudicare l'esistenza umana in termini di successo e di apparente perfezione. Ma il vivere è molto di più ed è impossibile definirlo nell'alveo di un cliché formale in cui l'impeccabile linearità diventa criterio di verifica.

        Nel cammino si cade e ci si rialza, ci si appoggia e a tratti si diventa supporto gli uni per gli altri o, ancora, ci sono periodi in cui si attraversa la solitudine del deserto ma, certo, ogni passo porta oltre. È la perseveranza nel cammino ad esprimere il senso di una vita e la fiducia con cui si affronta il quotidiano diventa possibilità di cambiamento e di costruzione di un cammino comunitario. Sì, perchè a ciascuno è dato di camminare insieme al prossimo e mai l'esistenza è fruttuosa quando si vive per se stessi. Quello rimarrebbe un percorso implosivo e del tutto sterile: un'esistenza sciupata!More...

Sottrarsi alle aspettative e tornare a vivere

by Mauro 1. December 2019 21:12

        Torna in mente il ritornello di una canzone di Luca Carboni “o è Natale tutti i giorni o non è Natale mai”. Un testo che rivela un aspetto centrale del nostro tempo in cui brutture e bellezza vengono mischiate come se avessero lo stesso senso.

       Il cammino dell'uomo può corrompersi e ciascuno può rinunciare alla propria vocazione entrando in una sorta di compromesso che viene ad anestetizzare desideri, progetti e rischi propri di chi, invece, si mette in gioco spendendosi per una causa. More...

Il volto dell'Amore

by Mauro 6. October 2019 08:23

   La condizione di precarietà è propria dell'esistenza umana malgrado tanti si illudono di potere dare garanzia di lunga vita e parvenze di eternità all'improvviso possono venire meno tutte le certezze di prima, si sperimenta dolore e smarrimento.

       Quando si perde una persona cara, quando si incontra il fallimento e l'insuccesso, o quando si prende coscienza che tutto passa e tanti motivi di vita diventano relativi, necessari solo per il passato e non più per il presente, è allora che si ha come un risveglio, si ha bisogno di trovare una ragione realmente profonda per dare senso al proprio cammino.More...

Month List

RecentPosts