Fatti per la comunione

by Mauro 13. September 2020 08:21

   Vivere di perdono è altra cosa, chi sta nel quotidiano imbrigliato in continue rivendicazioni ha abbassato lo sguardo e continua ad invischiarsi senza soluzione così come chi si agita nel fango pur desiderando uscire fuori da quella condizione di stallo. 

Quando i rapporti umani sono caratterizzati dalla capacità di perdono, allora, in quella persona  traspare la profondità del vivere perchè le sue radici sono in Cielo. Il perdono, infatti, muove dalla gratitudine e dalla consapevolezza che la vita è dono e non frutto del minuzioso calcolo programmatico.More...

L'essenziale è invisibile

by Mauro 16. August 2020 16:12

    I confini sono rivelatori del fenomeno sociale e nel tempo, se non abitati dal dialogo, si sclerotizzano in un distinguo culturale che segna un muro di demarcazione in cui il diverso è considerato nemico.

È così che veniva etichettata l'area di Tiro e Sidone, regioni impure ed idolatre, ed è lì che si ritira Gesù uscendo dal territorio d'Israele. Si allontana dalle folle che lo seguono più per una ricerca miracolistica che per la fede in Dio, e prende le distanze pure da scribi e farisei che giudicano il Suo operato tramando contro di Lui.More...

Testimoni di prossimità

by Mauro 19. July 2020 16:19

         Era una domenica come oggi quella di ventotto anni fa quando una 126 carica di tritolo esplose in via d'Amelio stroncando la vita del giudice Paolo Borsellino e degli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Cosina e Claudio Traina. Un vile attentato per mano mafiosa che volle avere la pretesa di fermare l'azione di uomini onesti che stavano vivendo senza compromessi la loro missione.

         In realtà, sappiamo tutti, che l'azione di bene non può fermarsi malgrado gli attentati e le continue ostilità perchè l'umano appartiene al Cielo e per quanto molti possano cadere nelle trame del male fino a lasciarsi schiavizzare, possiamo trovare pienezza di vita solo quando ci lasciamo conquistare dalla causa del bene e dunque della giustizia, della solidarietà e della condivisione con gli altri. Diversamente, l'esistenza di chi sceglie la corruzione o la criminalità è destinata a consumare i propri giorni nel vuoto e nella tristezza più grande.More...

Senza i piccoli quale giustizia?

by Mauro 5. July 2020 10:25

        La fatica del vivere non dipende dai carichi che si portano ma dal come si portano. Mi rendo conto che per molti il quotidiano non è affatto scontato e il fronteggiare economie precarie, fragilità fisiche e relazioni interpersonali problematiche non è semplice. Eppure loro, i “piccoli” di questo mondo, riescono ad andare oltre con una fiducia e una forza che scaturisce dal rispetto del limite e, al contempo, dal rimanere a guardare in alto.

      Gli umili della terra ci danno questa straordinaria lezione, loro non hanno consegnato alle brame di potere e ai soldi la loro esistenza ma sono rimasti capaci di condivisione e di comunione nonostante tutto. I piccoli sono abituati a resistere nel quotidiano, a fare un passo alla volta e a chiedere aiuto perchè sanno di non potere riuscire da soli. Per loro il limite è da affrontare con umiltà e, inn questo modo, riescono a cogliervi un segno per discernere la via da seguire, una indicazione sul cammino da attraversare.More...

La fiducia oltre le paure

by Mauro 21. June 2020 15:44

   La paura arresta il cammino dell'essere umano, quando viviamo sotto il giogo del timore iniziamo a cadere nel compromesso e nel calcolo esistenziale come se la vita potesse trovare protezione nell'assumere uno stile evitante e di indifferenza rispetto agli altri, pensando solo a tutelare i propri interessi.

Quanti vivono sotto l'egemonia della paura si consegnano pure ad amuleti o maghi di turno, cioè si creano un idolo che dovrebbe garantire la propria vita in modo magico. Un protettore racchiuso in una pozione, in un amuleto o in continui rituali scaramantici.More...

La relazione apre alla comunione

by Mauro 7. June 2020 09:44

             Oggi ci viene chiesta una inversione di prospettiva, una lettura profonda dell'esistenza che non si ferma a quel che appare in un istante. Anche gli ultimi accadimenti legati alla pandemia hanno contribuito ad alimentare una visione catastrofica della vita, un pensiero triste affezionato ai ricordi traumatici e agli eventi di morte. Un'attenzione selettiva che sembrerebbe prepararci ai momenti peggiori in modo da non rimanere delusi e ulteriormente amareggiati.

             Il punto sta proprio nel fatto che la delusione è frutto di una idealizzazione delle cose della vita che cerca la felicità in ciò che appare e sembra garantire lusso, bellezza, potere. La stessa impostazione la troviamo pure nella religione quando diventa una ricerca perfezionistica basata su comportamenti moralmente impeccabili come se l'essere umano potesse trasformarsi in una sorta di angelo!More...

Comunione non è omologazione

by Mauro 31. May 2020 10:07

        Il modo di organizzarci e le priorità che diamo al nostro quotidiano rivelano quale direzione sta seguendo la nostra vita. Noi non possiamo controllare il nostro domani ma possiamo decidere come attraversarlo e ciò dipenderà dal nutrimento che anima il nostro cammino.

       Per alcuni il viaggio dell'esistenza si riduce ad una mera pianificazione di accumuli, conquiste per ergersi al di sopra degli altri, proprietà funzionali ad accrescere il proprio ego. Per altri, invece, la scoperta quotidiana è frutto dell'accoglienza e del dono, un duplice movimento caratterizzato dall'umiltà. Senza umiltà, infatti, si perde la gratitudine e tutto diventa motivo di rivendicazione e di autoaffermazione.More...

Fatti per l'unicità relazionale

by Mauro 24. May 2020 12:44

   La società contemporanea pare organizzarsi secondo criteri di omologazione degli stili di vita e dei consumi come se il livello di civiltà fosse proporzionato ad un pensiero uniforme. La diversità è poco tollerata e quando si manifesta un pensiero libero da logiche di profitto e aperto al bene comune, nasce una sorta di sospetto come se la gratuità costituisse una minaccia. 

In realtà simile processo genera profondo isolamento, distanza sociale e aree di ghettizzazione. L'altro nella sua differenza viene percepito come un nemico e pertanto emarginato, si creano muri di separazione più o meno visibili nel tentativo di controllare l'imprevedibilità altrui. È la logica che regge la globalizzazione dove la pianificazione centralizzata dell'economia priva l'essere umano di identità e unicità.More...

Vede chi custodisce

by Mauro 17. May 2020 08:43

   Il quotidiano ci presenta la fatica del cammino e la gioia di momenti unici, l'opportunità di andare avanti così come il rischio di fallimenti. In ogni caso nel giornaliero si dispiega il racconto di ogni vita.

Qualcuno, per paura del rischio, potrebbe essere tentato di tirarsi indietro e trasformare il suo oggi in un bunker dal quale osservare lo scorrere dei giorni. Per non cedere a questa tentazione è importante sapere che l'esistenza ha bisogno di mantenere una postura che non lascia in balìa delle circostanze di turno ma procede per approfondimento e cioè utilizzando ogni cosa, perchè nella storia nulla è da scartare e sebbene si possa cadere è possibile rialzarsi.More...

Stupore adolescente

by Mauro 9. May 2020 23:22

   Giornata assolata nel cuore di Danisinni, i ragazzi che armeggiano con un bidone di ducotone e nell'arco di mezz'ora la piazza riacquista un colore che pareva appartenente ad un lontano passato, perchè due mesi di confinamento paiono anni come se si fosse creata una demarcazione tra il prima e il poi. Siamo nella via di mezzo, ancora non del tutto fuori ma neppure passivamente dentro, ci siamo e questo è il tempo di transito.More...

Month List

RecentPosts