Conosco un'altra umanità

by Mauro 8. December 2017 09:32

   È la risposta di una ragazza di dodici anni, Maria, a rivelare il senso della festa di questo giorno. Quello dell'Immacolata concezione come pure della Panaghìa (tutta santa) per l'Oriente cristiano, è un attributo datole per sua disponibilità al dialogo e alla fiducia in Dio.

Dialogo e fiducia sono connotati rari per l'uomo contemporaneo reso sempre più diffidente e solitario dalle proposte culturali che quotidianamente vengono a bombardarci. Notavo come l'altro ieri in prima serata Paolo Bonolis e Luca Laurenti, per la prima puntata del loro programma musicale, accoglievano come ospite d'eccezione Marilyn Manson, noto testimonial del satanismo contemporaneo. Mi chiedo quale idea di persona è veicolata dalle proposte televisive che invadono quotidianamente le nostre case, poi cammino per le stradine dei Rioni palermitani ed ascolto come il mito delle ragazzine è la Rosy Abate protagonista di una serie televisiva che cerca di dare un'immagine mitigata del fenomeno mafioso trasformando una cinica pluriomicida in una affascinante donna che si batte per difendere le cause di “giustizia”. Un relativismo dominante che confonde i parametri di  valutazione e i criteri per definire la realtà delle cose.More...

La memoria di Danisinni: ripartire dalla radici

by Mauro 15. June 2016 00:12

Sembra che la cultura dell'apparenza voglia estirpare la memoria storica, quella che intercetta le origini, crea ponte tra passato e presente, radice su cui reggersi, piattaforma per affacciarsi al futuro. E' così che domani sera Danisinni si trasformerà in un palcoscenico narrativo ove tra memoria e presente, rifletteremo sulle possibilità di ripensare il nostro futuro. E' la sfida sociale del nostro tempo.

L'Amicizia, medicina per ogni Tempo

by Mauro 9. May 2015 20:48

     La carenza di relazioni amicali viene a ferire l'uomo contemporaneo così immerso nella dimensione produttiva e di capitalizzazione del tempo. Eppure senza amicizia la vita sembra ammalarsi di seriosità, di precisa osservanza degli impegni. L'uomo finisce con il centrarsi sul compito perdendo di vista la dimensione relazionale che sta alla base del suo "nutrimento".

         Proprio il Vangelo di questa domenica, Gv 15, 9 – 17, viene ad immergerci dentro la vita di divina proponendoci una via di guarigione. E'una grande consolazione sapere che abbiamo accesso alla sua vita intima e che da questa siamo trasformati. Lui, ci viene detto, nutre un profondo desiderio di comunione, vuole condividere con l’umanità tutta la sua esperienza d’amore, il senso profondo della vita, ciò per cui esistiamo. 

               È pertanto che il Signore chiede ai discepoli di entrare nella sua gioia, cioè nella sua relazione d’amore, quella tra il Padre ed il Figlio. È questa la forza dell’uomo, l’esperienza da cui partire per affrontare qualsiasi tipo di battaglia.More...

Una goccia nel fiume: Natale a Danisinni

by Mauro 17. December 2014 10:17

      Parlare di promozione sociale e, ancor prima, di promozione della salute ci colloca in una prospettiva di valorizzazione del territorio cioè di potenziamento di tutte quelle risorse che abbisognano di trovare espressione creativa.
             Il periodo che stiamo attraversando, infatti, è segnato da una sempre più profonda crisi multidimensionale che va dal quadro antropologico alla sfera economica e sociale, dal contesto ecologico  a quello climatico. Se da un lato la visione di uomo in funzione dell’economia ha schiavizzato l’individuo ed il contesto in cui vive, dall’altro ci appare necessario che per promuovere un luogo bisogna riscattare la prospettiva antropologica per restituire dignità e rompere con gli schemi e le etichette proprie del mercato dei consumi.
               Danisinni è una Goccia nella Palermo ridente, cioè un tassello di un Contesto che abbisogna di rinascere, tornare a respirare e a frequentarsi. Si, il Papireto che torna alla luce nel bio-stagno è segno di una linfa vitale che scorre nelle profondità dell’animo palermitano e che abbisogna di ritrovare espressione per dare vita, così come è dei papiri che oggi crescono nel centro della piazza Danisinni alimentata dalle acque del fiume.More...

L'accoglienza e l'identità di un territorio

by Mauro 16. December 2014 10:57

   Natale Danisinni, il Rione accoglie la Città è molto più di un Evento natalizio. Il team di operatori coinvolti muove dal confronto diretto con un Contesto che paga il prezzo delle disfunzioni del nostro sistema socio-economico dove una fetta di popolazione rimane sempre più ai margini delle politiche sociali di turno. La provocazione viene proprio dal Natale, tempo in cui la fede cristiana torna a raccontare il mistero del Dio fatto uomo e a ricordare la mirabile dignità che è riconosciuta a tutta la specie umana.More...

Tags: , ,

educativa di strada | Incontri culturali | Palermo | Ricerca di Dio

Be Different

by Mauro 24. July 2014 16:54

     La scelta del tema Be different al GiffoniFilmFestival, ha portato nelle sale della Cittadella parecchi film che costituiscono una provocante carica di emozioni e pensieri che a volte non hanno un nesso congruente, come a raccontare frammenti della realtà attuale. Primo interrogativo che ne deriva: assistiamo, oggi, ad una fase di frammentazione o di pluralità?   

       In ogni caso l’identico viene tradito, vediamo in che senso.More...

Il rischio "virtuale" è quello dell'Incontro!

by Mauro 22. July 2014 14:35

     È vero che il web ci impone una rapida accelerazione del tempo e, in taluni casi, il rimanere ad attendere potrebbe privarci dell’incontro con l’altro, della sua presenza.
       Appena ieri scrivevamo dell’importanza che le riprese hanno avuto in Siria nel denunciare e documentare come il regime ha bombardato i manifestanti che rivendicavano il diritto alla loro libertà, nel tentativo di reprimere la contestazione del popolo siriano. Una denuncia che, attraverso la comunicazione visiva, ha provocato l’opinione e la riflessione internazionale.
           Ed oggi arrivano le immagini girate stanotte da uno dei superstiti in un barcone che trasportava più di 700 profughi siriani soccorsi nel Canale di Sicilia.More...

Pomeriggio con Thé: conversazioni con un paesaggista in Danisinni

by Mauro 3. June 2014 00:10

        C’è chi parla di CittàSmart e chi di CittàVerde, chi di ottimizzazione delle risorse e chi di qualità della vita, come se una linea di frattura ne segnasse le distanze! Mi chiedo: è questione di lontananza o di prospettiva?

     È da ammettere che la prospettiva è visibile attraverso una equa distanza, così come da un punto ravvicinato non è possibile scorgere la bellezza di un quadro impressionista (da notare che proprio l’Impressionismo fu attirato dal ritrarre, per la prima volta, gli spazi urbani).
      Eppure alle volte ci manteniamo lontani, non accorgendoci della realtà che ci sta attorno, perdendo così quella capacità di stupore che è propria dell’animo umano.
         Torna incalzante l’interrogativo: possiamo parlare di due Città come se il rione storico di Danisinni che offre un ecosistema unico per Palermo fosse altro dalla Città assediata dal traffico e dalle elevazioni cementizie? O, ancora, è davvero differente la Città dal movimento veloce e fluido nel minor tempo possibile, dalla Città scandita da aree verdi ove potere sostare?
      Pensare che in pochi a Palermo sanno dell’esistenza di Danisinni, spazio rionale che inspiegabilmente riesce ad arrestare la frenesia del viandante metropolitano. More...

Il potere dell’uomo ed il ricordo di Dio: tra combattimento e volontà/1

by Mauro 30. May 2014 06:00

      L’esperienza religiosa fa passare dall’atteggiamento di paura verso l’ingovernabile a quello di meraviglia e stupore che nasce nella persona che si apre alla relazione con il Creatore e, di conseguenza, con il Creato. Ora non mi soffermo sulle premesse, seppure sarebbe necessario, vado direttamente ad affrontare due aspetti della esperienza religiosa che ritengo di prioritaria attualità: la questione del combattimento spirituale e quella della volontà.
      Il combattimento presuppone una consapevolezza, un ascolto di sé. Quando non c’è combattimento spirituale, l’individuo è assuefatto, vive cioè in una sorta di torpore spirituale. Si rifugia nell’ “impegno” o “rumore” permanente al fine di non sentire. Davvero smisurate dosi di ansiolitici vengono somministrate all’uomo contemporaneo, recentemente perfino ai bambini! Ma non si usa solo il farmaco per “non sentire”, ci sono altre strategie come immergersi davanti alla tv, nel lavoro anche durante le vacanze, l’alcool, il fumo o altre droghe, lo sballo di turno che cerca di anestetizzare il logorio quotidiano.
      È paradossale che dal fine settimana o dalle ferie si ritorni stanchi! Forse perché non si riesce a sostenere l’ascolto nella quiete, magari mancano le competenze necessarie. More...

Tags: , ,

Blog | Consultorio familiare | Ricerca di Dio | Testimoni

Le parole della psicoterapia e la Parola dell’accompagnamento spirituale /2

by Mauro 21. May 2014 12:00

       Sia la psicoterapia che l’accompagnamento spirituale non mirano a riempire di “sapere” mediante le parole, la persona che chiede aiuto. Nel percorso terapeutico la pretesa di conoscere e avere spiegazione su tutto ed in tempi rapidi, verrebbe letta come tendenza al controllo e, pertanto, riconducibile a difese eccessivamente rigide nell’affrontare l’imprevedibilità del quotidiano.
        Nel percorso spirituale l’obiettivo, piuttosto che quello di dare spiegazioni, è di fare gustare la relazione con Dio che rimane per tutti una scoperta del tutto inedita e mai preconfezionata. In questo senso l’accompagnamento spirituale è volto ad introdurre la persona nella contemplazione del Mistero e questa esperienza appartiene all’intimità del rapporto personale con Dio. 
       L’individuo chiuso in una ricerca eccessivamente autoreferenziale, bramoso di spiegarsi la sua ed altrui vita attraverso le parole, rischia di chiudersi in un mondo parallelo costruito su illusioni ed idealizzazioni.More...

Month List

RecentPosts